Irta la discesa

Spesso mi soffermo su ciò che è trascorso nel tempo e più e più si è fatto ed omesso. E so che non è poi così tanto. Si consuma ancora la cenere, con meno grida forse ma sempre la stessa birra. L’età e gli errori fatti o subiti ci rendono più silenziosi ma certo non meno bevitori.

Qui è il mio demone, mi coglie improvviso quasi ogni notte, celato dall’angolo di un sogno che inizia incubo e si consuma in idillio. Le città bruciano e gli uomini muoiono o peggio, dimenticano; ma il mio demone non si attarda mai sulla strada che lo porta a me.

Le poche cose che ho supposto conoscere nella mia vita, si sono rivelate d’altra fattura, sempre. Pure le fattezze di un viso angelico possono celare un inganno segreto ma non quelle del mio demone. Capisco ora che i tasti dolenti son spesso quelli che un tempo suonarono meglio.

Annunci

Un pensiero riguardo “Irta la discesa

  1. Amico mio, tutti siamo posseduti dal nostro demone personale, il segreto è dominarlo, oppure imparare a conviverci.
    Ricorda, solamente i Pirla ne sono privi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...