Mexico p.4 – Il Pacifico

DSCF8253_l

En un lugar del Pacifico, de cuyo nombre no quiero acordarme… E sarà proprio cosí, non vi rivelerò il nome della località raccontata dalle fotografie, come fosse un misterioso segreto, alla ” The beach “. Tanta bellezza dev’essere conservata nel modo più intatto possibile, come fanno i 2000 indigeni che ci vivono ed i 2000 stranieri che hanno scelto questo luogo come casa. Vi posso però dire che l’oceano Pacifico è incantevole, caldo, pescoso e non sempre proprio pacifico! Un grazie a Marco e Robi ( due di quei 2000 non indigeni di cui sopra! ) per la calorosa ospitalità!

Pubblicità

Mexico P.2 – Las pozas

La più affascinante delle pozze. La poza azul. La più affascinante delle pozze.

Di ritorno dalle dune bianche del deserto chiuhuahuense è d’obbligo una sosta alle pozze che circondano il territorio di Cuatro Cienegas. Più di cinquecento laghi, di diverse dimensioni e profondità, le cui acque hanno origini sconosciute al sapere umano. L’ipotesi più plausibile pare sia legata al fatto che, questo territorio, era anticamente sommerso dall’oceano Tetide, il quale avrebbe lasciato delle immense sacche d’acqua sotterranee che, ancora oggi, fuoriescono alla luce del sole a formare le pozze. Il mistero dei laghi salati di Cuatro Cienegas si infittisce ancor più se si pensa che né la pioggia né l’evaporazione ( fortissima nelle estati torride del deserto ) siano in grado di far mutare il livello delle acque. Acque antichissime quindi, che ospitano specie uniche di fauna e di flora, popolate da due specie peculiari di tartarughe: la Vizagra e la Concha Blanda. La Mojarra de Cuatro Cienegas è invece il pesce tipico della zona. Fantastica sorpresa poi, venire a conoscenza del fatto che in una delle pozze più grandi vi sia una vasta colonia di stromatoliti, organismi unicellulari preistorici, simili ai coralli, ai quali dobbiamo la grande quantità di ossigeno che ha permesso lo sviluppo della vita sulla Terra. Mistero o no, las pozas, restano luoghi incantevoli dove trovare la pace con il mondo, vedere per credere!

Mexico p.1 – Cuatro Cienegas

DSCF7876_l

Cari lettori, per i prossimi post vi delizierò con fotografie del mio distantissimo viaggio oltre oceano, in Mexico! Questo primo post è dedicato alla ridente e soleggiata cittadina di Cuatro Cienegas ( quattro stagni/laghi ) ed al deserto infinito e torrido che la contiene e la circonda. Già dal profumo, pure ad occhi bendati, capiresti di essere in terra straniera e tan lejana da casa; un odore diverso, nè migliore nè peggiore di quello di casa, solo d-i-v-e-r-s-o. Venendo a Cuatro Cienegas, è una cittadina immersa nell’immenso deserto chihuahuense, il più grande delle americhe. Un posto dove ad ogni angolo troveresti le inquadrature giuste per una puntata di el Zorro! Ci abbiamo trovato: queso fundido, chili relleno, calore e dunas blancas ovvero le ” dune bianche “, uno spettacolo naturale assoluto: sono formate dai depositi di gesso che seccano con l’evaporazione delle rare pozzanghere che si formano nel deserto; la polvere, bianca come la neve, viene poi sospinta e indirizzata, dai venti bollenti, tutta in una zona ristretta, dalla quale non si muove più. Il paesaggio è lunare, estraneo ai nostri occhi più di quanto non lo fosse la vita stessa agli occhi dello Straniero di Camus. Si formano vere e proprie colline di gesso, plasmate dalle rare intemperie, che resistono, a chi le ha create, strenuamente. Rocce in apparenza solide che vanno in frantumi ad un lieve tocco di mano. Il deserto ci ha accolti con una fioritura inattesa ( dovuta alle anormali piogge che ci avevano preceduti ), un verde così anomalo da rendere allibito perfino lo sguardo della nostra guida, Lluis: ingegnere agronomo che, ahilui, nel deserto fatica a trovare lavoro! Godetevi le immagini…

Universo Chagall

DSCF7168_xl

In avenue Docteur Ménard a Nizza trova spazio, immerso nel verde, un universo parallelo fatto di colore, di fantasia, di espressività assoluta e pacificatrice: il museo nazionale Chagall. Ebreo russo naturalizzato francese    ( i francesi, si sa, son sempre stati grandi rapitori d’opere e d’autori! ), Chagall è maestro che conoscevo da studi e fotografie ma, come sempre accade nella vita, vedere è credere, vedere è stupirsi. Proprio lo stupore è il sentimento che, a ripensarci anche ora nella penombra del mio salotto, trabocca copioso dal mio cuore. Uno stupore dettato dal colore, dalla grazia ( intesa alla moda del Vasari ovvero come Vera bellezza dell’anima ), dalla sinuosità ipnotica del gesto artistico. Opere gigantesche si appropriano vigorose dello spazio bianco sul muro a loro assegnato, opere che sono poesia gioiosa tanto per palati levigati quanto per quelli più grezzi; poiché il messaggio che traspare dalle tele di Chagall è immediato e vero: è l’amore.

Verge del Carme

L'arrivo della Vergine
L’arrivo della Vergine

La Vergine del Carme è la ricorrenza religiosa più importante del paese di L’Escala, in costa Brava – Catalunya. Una festa poco turistica, una festa del paese e dei suoi anziani che, a braccetto di consorti o nipoti, vanno in processione dietro la statua lignea della Madonna con bambino. Due giganti figure, alte circa quattro metri, aprono il corteo ed impersonano il pescatore e sua moglie. Chiudono la fila i bambini con l’offerta di pesce fresco di giornata, per ingraziarsi la benevolenza della Madonna sul mare, la pesca e la vita.

B&W Carcassonne

La bassa Carcassonne
La bassa Carcassonne

Vera, falsa, posticcia, filologica… Comunque uno la voglia chiamare, qualsiasi cosa si possa pensare di Carcassonne ( per ciò che concerne la sua principale attrazione e cioè la rocca medievale frutto della ricerca dell’architetto  Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc ), non si può mettere in dubbio che abbia un certo fascino. Certo non si dovrebbe essere abituati a broghi quali: San Gimignano, Bolgheri o Castagneto Carducci! Godetevi comunque alcune fotografie.

Taller Amat

L'artista Antoni Amat
L’artista Antoni Amat

Quando si entra nello studio ( taller ) di un artista, è come fare un passo nella mente segreta dell’ uomo. Ho avuto la sorte di poter fare visita all’artista catalano Antoni Amat, esponente di spicco dell’informale contemporaneo. Amat è un pittore del Mediterraneo, le sue luci, i suoi colori, i suoi gesti precisi e compiti sanno trasportare il lettore dell’opera nell’ universo di suoni e profumi che la gente del “piccolo mare” porta incisi nel proprio DNA. L’opera di Amat è ricca di citazioni, dalla materia così cara al suo compatriota catalano Tàpies ( col quale, fra l’altro, condivide il nome ) alla grafia sincera ed incompresibile della natura, vezzo di Cy Twombly. Porto ancora negli occhi i colori delle opere così simili a quelli visibili appena fuori dalla porta dello studio, sulla spiaggia di Blanes, incastonata nella rigogliosa e vibrante Costa Brava.

Universi

Lichene 2_xl

Tutto ciò che ci circonda fa parte dell’universo e facendone parte è universo esso stesso. Ora, che l’universo in cui abitiamo si diriga verso una fine calda oppure verso una fine fredda sarebbe interessante saperlo, per soddisfare l’innata curiosità della nostra specie, ma in fin dei conti, a ben pensarci, poco ce ne cale. Gli universi ritratti in queste immagini sono tanto piccoli quanto intensamente affascinanti. La simbiosi che riescono a creare un cianobatterio ed un fungo, finalizzata esclusivamente all’aiuto reciproco, che da vita ad un lichene è di commovente bellezza. Risultato che dovremmo far assurgere ad esempio anche nel nostro piccolo universo umano, così poco collaborativo.